QUESTO SITO NON E' PIU' AGGIORNATO DALL'ANNO 2017

IL NUOVO SITO UFFICIALE DI GIACOMO BERGOMI
E' RAGGIUNGIBILE ALL'INDIRIZZO:

WWW.GIACOMOBERGOMI.COM

CLICCA QUI

 


Home
Introduzione al sito
Biografia
Mostre personali
Mostre collettive
Premi e riconoscimenti
Antologia critica
Opere
Esposizioni permanenti
Catalogazione
Memoteca
Notizie
Links
Mailing List
Contatti

 
 
ANTOLOGIA CRITICA DI GIACOMO BERGOMI

Mondo morale, tutto contadino, l'artista va oltre il contingente per mirare alla condizione prima, essenziale, dell'uomo legato alla terra gleba: la lotta dura per l'esistenza, la casa come un tutt'uno con la campagna, stesso colore e stessa ombra. Estraneo a Bergomi il mondo della civiltà moderna. Nessun segno del potere industriale, solo una bicicletta appoggiata all'albero o al muro cotto dal tempo.
Naìf l'artista bresciano? Fino a un certo punto. In realtà egli è preparato, il suo sforzo espressivo ha ascendenze culturali: da Giotto a Cézanne e attraversato il Novecento verso un realismo che non ha nazionalità ma tende a diventare fatto terrestre.
La luce di Bergomi: a volte incantata e un poco magica. Gli occhi delle sue figure: visti di fronte, totalmente aperti. Case ed uomini forzati dentro uno schema di stupore.
Il suo primitivismo si riallaccia alle tensioni prime del nostro secolo. Oltre la cultura moderna, verso le civiltà antiche, al ritrovamento di una forma talmente significativa e piena da offrire la struttura interiore del mondo. Picasso è partito da lì. Delle maschere antiche c'è nei personaggi di Bergomi l'icasticità incisiva, l'assenza di pittoresco, di tiepidezze, il silenzio o la smorfia fissati in immobilità assoluta. Si perdono le distinzioni tra questo e quello (le statuette negre come i santi bizantini), i medesimi segni che sempre si rincorrono: mani uguali e piedi uguali, lo stesso gesto impietrato, un medesimo sguardo. Si differenziano i ragazzi nel gesto più sciolto, ma rappresentano il momento bizzarro, perché libero, della vita. L'indios come il contadino lombardo abbraccia i suoi animali domestici in un gesto di comunione totale con la natura: contadino come montagna, come fiume, come albero...
Tensione acuta alla sintesi. Una lotta sovente aspra per stringere in pochi elementi immagini definitive.

LUCIANO SPIAZZI
Da L'Ecuador di Giacomo Bergomi, Galleria A.A.B., Brescia 13-25 novembre 1971. Invito.

  Clicca qui per stampare
  Catalogazione delle opere di Giacomo Bergomi  
  E' in atto la catalogazione delle opere di Giacomo Bergomi  

  A Montichiari una mostra permanente, un documentario e un concerto dedicati a Giacomo Bergomi  
  Montichiari: la mostra e il documentario  

  Opere di dubbia autenticita' sul mercato bresciano  
  Il Gruppo Bergomi ha attivato procedure per il censimento dei dipinti e per contrastare la diffusione dei falsi e per promuovere lo studio della produzione del pittore.  

Sito internet a cura di Work On Web Work On Web: realizzazione siti internet per l'arte E-mail: info@workonweb.it